Continue reading

OLOGRAFIA CONOSCOPICA

cos’è?

LA TECNICA

“ Quando si scrive su un comune foglio di carta, la punta della penna, oltre a rilasciare l’inchiostro, deforma la carta. In altre parole, la pressione dello scrivente lascia delle incisioni, più o meno profonde a seconda della forza impiegata per scrivere e del tipo di punta impiegata. L’incisione dipende inoltre dal tipo di superficie cartacea e dalla superficie sottostante il foglio. Tali incisioni costituiscono il solco del tratto. Il fenomeno è simile a quello che si può osservare quando si scrive sulla sabbia.

I solchi della scrittura sulla sabbia, essendo macroscopici, si possono analizzare ad occhio nudo. Al contrario quelli lasciati sulla carta dalla punta della penna, sono di dimensioni micrometriche e, per essere analizzati, è necessario disporre di micro-profilometri in grado di rilevare le micro deformazioni presenti sul foglio di carta.

Attualmente, in commercio sono disponibili microprofilometri laser in grado di rilevare la topografia di una superficie con risoluzione migliore del micron.5

La strumentazione utilizzata nella presente sperimentazione, per la determinazione della dinamica dei tratti manoscritti, consiste in un Conoscan prodotto dalla Optimet. Tale microprofilometro laser basa il proprio funzionamento sull’olografia conoscopica e presenta alcune peculiarità che lo rendono particolarmente adatto all’analisi dei tratti manoscritti. In particolare, il microprofilometro scandisce la superficie da analizzare con un fascio laser di bassa potenza e consente di stabilire se un tratto è sovrapposto o sottoposto ad un timbro, oppure, ad un’altra scrittura che ad occhio nudo non si riesca a capire se apposta prima o dopo la firma stessa.”

Estratto da un trattato a firme:

Giuseppe Schirippa Spagnolo: (Dipartimento Ingegneria Elettronica dell’Università degli studi Roma Tre)

Giuseppe Della Valle : ( Pertel – Torino)

Pacifico Cristofanelli (Università degli studi Carlo Bò di Urbino)

 

Esempio:

firma

E’ stata apposta prima la firma, oppure, prima il timbro?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *